Omicidio Rigante.Rissa sfiorata tra Rom e ultras . Sequestrati bastoni e mazze da baseball

Pescara -Il Processo a carico di Massimo Ciarelli,presunto responsabile della morte dell’ultras del Pescara calcio, Domenico Rigante,  é uno dei componenti della famosa famiglia di origini Rom.Il processo  è stato subito rinviato al 9 maggio. Fuori del Tribunale,però, si è sfiorata una maxi rissa tra i tifosi ultras del Pescara calcio, accorsi per assistere al processo e un gruppo di Rom, componenti e amici della famiglia Ciarelli. Le forze dell’ordine avevano già previsto una situazione del genere, per cui non si sono trovati impreparati, tanto è che alla fine il Questore di Pescara, Paolo Passamonti, ha sequestrato più di venti attrezzi tra bastoni e  mazze da baseball. “Il nove maggio – ha detto il Questore -rafforzeremo la sorveglianza in occasione del processo”. Ad infiammare gli animi ancor di più ci ha pensato il legale di Massimo Ciarelli, il famoso penalista ed ex Sottosegretario, Carlo Taormina. ” Siamo tutti assassini”. Una frase che ha scatenato su internet una sequela di proteste e di invettive all’indirizzo dell’Avvocato.RIS_06_672-458_resize

CATEGORIE
Condividi