Roma. Rapporto “Mare Monstrum 2013”: l’Abruzzo migliora, maglia nera il cemento

Roma  –  In una sala gremita fino all’inverosimile, è stato presentato il nuovo rapporto “Mare Monstrum 2013”, che però riguardano tutte le illegalità riscontrate lungo le coste italiane, nell’anno 2012. Per quanto riguarda l’Abruzzo, da sempre considerata “Regione verde d’Europa” ci si aspettava qualcosa in più, anche se da”maglia nera” al 12esimo posto dell’anno scorso, quest’anno si attesta al 13esimo, con possibilità, secondo gli osservatori, di un effettivo margine di miglioramento anche se la media è scoraggiante: due illeciti ogni km di costa.La maglia nera, comunque, della costa abruzzese, resta il cemento con le relative conseguenze e nel 2012 sono state accertate 237 infrazioni su circa 125 km di costa. I reati con cemento sono stai quelli che negli anni ha spinto la Regione ad essere sempre tra quelle da evitare, almeno da un punto di vista della cementificazione. Nel rapporto 2012 sono stati citati diversi casi di speculazione edilizia, sfociati anche con condanne e richieste di risarcimenti del danno da parte delle amministrazioni pubbliche. Certo, chiuso questa brutta parentesi, l’Abruzzo si potrà candidare ad essere tra quelle virtuose per la tutela delle coste.jbdujbdd

CATEGORIE
Condividi