Macerata. Molestavano gli utenti nel parcheggio dell’Ospedale. Denunciati in sette

osp_macMacerata  –  Da alcune settimane, il parcheggio dell’Ospedale civile di Macerata, veniva utilizzato come luogo di accattonaggio, da parte di alcuni nomadi che si sono introdotti, sistematicamente, nell’area allo scopo di ottenere elemosine, con una  pressante e molesta opera di accattonaggio allo sportello della cassa del parcheggio e ad uno degli accessi, che dal parcheggio conduce all’interno dell’Ospedale.  
 
I nomadi avevano, inoltre, frequentemente occupato l’accesso di una scala antincendio nelle vicinanze della cassa del parcheggio, utilizzandola per scopi personali quali consumare i pasti, stendere i capi di vestiario, luogo di incontro, ecc.. 
 
 A seguito di articolate indagini e dell’azione di contrasto svolta dalla Polizia di Stato, in servizio presso l’Ospedale Civile, è stato individuato l’alloggio dei nomadi che occupavano, il locale di servizio e relativo bagno situato nel piano sotterraneo del parcheggio, nonché uno dei due bagni riservati all’utenza del piano.   L’operazione, protrattasi per quasi tre mesi, ha confermato che alla cassa del parcheggio e alla porta dell’ospedale è stato organizzato un turn-over tra persone, probabilmente appartenenti alla stessa famiglia di origini rom che, dopo aver ricavato  un alloggio di fortuna nel parcheggio, si sono alternati nell’attività di accattonaggio sulla piazza.
  Le indagini della Polizia, intensificate nel corso degli ultimi mesi, si sono concluse con la denuncia all’autorità giudiziaria di sette cittadini di etnia rom, di età compresa tra 20 e i 55 anni.L’operazione, inoltre, ha consentito di sradicare un annoso fenomeno che ha procurato disagio notevole alla popolazione maceratese e in particolar modo agli  utenti dell’Ospedale. Gli utenti, infatti, spesso erano costretti a pagare il pedaggio del posteggio alla indiscreta presenza del nomade “di turno”.  Sono in corso le valutazioni, circa l’opportunità di emettere misure di prevenzione nei confronti dei soggetti ritenuti responsabili dei reati.

CATEGORIE
Condividi