Studente abruzzese trovato morto a Bologna. Si ipotizza come causa la droga

hewfgyue(wn24)-Bologna –  Uno studente di 28 anni, A.P., nato a Pescara e residente in provincia dell’Aquila, è stato trovato morto nel tardo pomeriggio di ieri.

Il cadavere è stato ritrovato nell’appartamento di Bologna dove alloggiava, stroncato molto probabilmente, da una overdose di eroina. A trovare il corpo è stato un amico, anche lui 28enne, titolare del contratto d’affitto dell’abitazione in via Bergami, zona Santa Viola. Sono intervenuti i medici del 118, che hanno potuto solo constatare il decesso del ragazzo e i Carabinieri della stazione Bertalia, del nucleo Operativo e del Sis (Sezione Informazioni Scientifiche). 

Dai primi accertamenti viene esclusa una morte violenta; l’ipotesi è che ad ucciderlo sia stata un’ assunzione di eroina, ma la conferma arriverà dopo l’autopsia. Lo studente era iscritto alla Facoltà di Giurisprudenza dell’Ateneo di Bologna. E’ il secondo decesso, per probabile overdose, nel giro di due giorni in città: martedì pomeriggio un bolognese di 40 anni era stato trovato morto lungo un sentiero, nell’area della ex manifattura tabacchi di via Stalingrado. Per questo gli inquirenti ipotizzano che in città giri una partita di eroina , forse, tagliata male. In tal senso le indagini si concentrano nel mondo dei tossicodipendenti bolognesi.
CATEGORIE
Condividi