Arrestato l’Abruzzese Padre Renato Salvatore: sequestrò due confratelli

Renato_Salvatore-kMID-U10201092112799GHD-330x185LaStampa.it(wn24)-Roma – Padre Renato Salvatore, dell’Ordine dei ministri degli infermi (meglio noti come Camilliani, e caratterizzati dalla grande croce rossa sul petto), 58 anni,originario di Ripa Teatina, in Provincia di Chieti, è stato arrestato  dalla Guardia di Finanza del nucleo polizia tributaria , con l’accusa di aver sequestrato due confratelli, insieme ad altri 5 complici.

TRA I CAMILLIANI, IL 13 MAGGIO SCORSO, PRESSO LA CASA DEL DIVINO MAESTRO AD ARICCIA (RM), ERA IN CORSO UNA VOTAZIONE PER L’ELEZIONE DEL SUPERIORE GENERALE DELL’ORDINE, E LA CONSEGUENTE GESTIONE DEGLI OSPEDALI DELLA COMUNITÀ. SALVATORE INSCENÒ, COSÌ, UN FALSO CONTROLLO DELLA POLIZIA GIUDIZIARIA NEI CONFRONTI DI DUE PRETI, PALESEMENTE CONTRARI ALLA SUA ELEZIONE, PER IMPEDIRGLI DI PARTECIPARE ALLA VOTAZIONE, GUADAGNANDO COSÌ I VOTI NECESSARI, SENZA INTERFERENZE.

CON IL RELIGIOSO, SONO FINITE IN MANETTE ALTRE 5 PERSONE, TRA CUI IL SEDICENTE COMMERCIALISTA PAOLO OLIVERIO, CONSIDERATO L’IDEATORE DEL PIANO, MOLTO INTERESSATO ALLA GESTIONE DEGLI OSPEDALI IN QUESTIONE, SOPRATTUTTO NELLE REGIONI CAMPANIA (IN PARTICOLARE A CASORIA) E SICILIA. OLIVERIO ERA GIÀ NOTO PER LA SUA PARTECIPAZIONE AD ALTRI IMPORTANTI SCANDALI FINANZIARI, IL SUO NOME È COMPARSO IN VARIE INDAGINI TRA CUI QUELLA SULL’EX CONSIGLIERE IDV DELLA REGIONE LAZIO VINCENZO MARUCCIO NEL 2012, MA ANCHE QUELLE SULLA P3 E L’EOLICO IN SARDEGNA, FINO AL PROCESSO SME.

I CHIERICI DELL’ANTICO ORDINE DEI MINISTRI DEGLI INFERMI – FONDATO BEN 500 ANNI FA DA SAN CAMILLO DE LELLIS E DIFFUSO IN TUTTO IL MONDO – NON HANNO, PER ORA, COMMENTATO L’ACCADUTO, NÈ A VOCE NÈ SUI VARI SOCIAL NETWORK IN CUI SONO PRESENTI, COME FACEBOOK E TWITTER. UNA TRISTE E BRUTTA STORIA DI POTERE, CHE IN EFFETTI MAL SI ADDICE SOPRATTUTTO ALL’IMMAGINE DI UN ORDINE RELIGIOSO, IL CHE INDUCE FACILMENTE AD IMMAGINARE IL MOTIVO DEL SILENZIO DA PARTE DEI CONFRATELLI SULL’ARRESTO DEL LORO SUPERIORE.

CATEGORIE
Condividi