Chiuso il Bar dello spaccio di droga “alla luce del sole” in piena movida: blitz dei Carabinieri dopo attente indagini

20131027_centrostoricopescara

 

(wn24)-Pescara –  E’ stato un fine settimana carico di controlli nei locali della movida.
I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Pescara hanno messo sotto la lente il bar “Best of India” in via Cesare Battisti, affollatissima nel weekend, per mettere un freno ad una situazione segnalata da numerosi esposti da parte di cittadini residenti e altrettante numerose lamentele dei passanti e dei frequentatori della zona. Nel corso delle operazioni i militari hanno verificato che gli avventori del locale, per la maggior parte extracomunitari, da qualche settimana avevano letteralmente preso possesso dell’esercizio pubblico, usandolo come centrale di approvvigionamento e spaccio di sostanze stupefacenti, in particolare hashish e marijuana. Cessioni di droga che avvenivano alla luce del sole, riferiscono i carabinieri, a partire dalle prime ore del pomeriggio fino a serata inoltrata; episodi documentati dagli stessi militari che da qualche giorno tenevano il locale sotto controllo. Oltre allo spaccio, frequenti le risse e i fastidiosi schiamazzi notturni, episodi che, nel giro di poche settimane hanno reso invivibile la permanenza nel quartiere dei residenti e dei passanti, stanchi di una situazione che stava rapidamente degenerando sotto i loro occhi.

Dopo un accurato servizio di osservazione e monitoraggio, i Carabinieri hanno deciso di fare irruzione nel locale riscontrando quanto lamentato dai residenti: all’interno erano presenti 38 clienti, tutti extracomunitari, senegalesi, nigeriani, marocchini, algerini e tunisini. La maggior parte di loro era in stato di ebrezza alcolica, alcuni alla vista dei militari hanno provato a dileguarsi ma la cinturazione del locale si è dimostrata efficace tanto che gli avventori sono stati tutti regolarmente identificati ed il locale controllato a fondo. La perquisizione ha permesso di rinvenire oltre 100 grammi di sostanze stupefacenti, hashish e marijuana, occultati ovunque: sotto le sedie, nei portatovaglioli, a terra, nel cestino dell’immondizia, nel bagno. Il ritrovamento dello stupefacente, spiegano i carabinieri, ha confermato che il bar era diventato un centro di smistamento ed approvvigionamento di droga da spacciare nelle vie del centro, frequentate, specie nel fine settimana, da giovanissimi che fanno uso delle cosiddette “droghe leggere”.
Quasi tutti gli avventori avevano precedenti e per reati in materia di stupefacenti e per reati quali rissa, lesioni, resistenza, violenza e minaccia a pubblico ufficiale. L’intervento dei Carabinieri è stato accolto con soddisfazione dai residenti, dai frequentatori della movida pescarese e dai gestori di vari esercizi pubblici della zona che hanno plaudito all’iniziativa. Alla fine delle operazioni il locale è stato chiuso e dieci avventori sono stati accompagnati in caserma per ulteriori accertamenti.

CATEGORIE
Condividi