Marche In…cucina. Oggi presentiamo un dolce tipico della tradizione:” Lonzino di fico”

Marche In…cucina. Oggi presentiamo un dolce tipico della tradizione:” Lonzino di fico”

(wn24)-Redazione – Guardandolo senza sapere di cosa si tratta, sembrerebbe proprio un salame. Una volto tolto l’involucro naturale delle foglie, dall’aperitivo si passa direttamente al dessert. Il “Lonzino di fico” è un prodotto marchigiano più unico che raro, e infatti lo troviamo tra i Presìdi Slow Food regionali. 

Si tratta di un impasto compatto a base di fichi (di qualità Dottati o Brogiotti), mandorle, noci e semi di anice avvolto dalle grandi e pudiche foglie del fico. Spesso intervengono anche i “soliti” mistrà e vino cotto a tenere insieme (e aromatizzare) il tutto.I primi a inventarsi la “ricetta” sono stati i contadini, sempre ingegnosi nel trovare nuovi modi per conservare gli alimenti. I fichi, che maturavano tutti insieme a settembre, erano infatti troppo abbondanti per essere consumati freschi: da qui l’idea di legarli stretti con lo spago e tenerli al freddo delle cantine invernali, per riesumarli in primavera sotto forma di dolcissimi lonzini da tagliare a fettine. Oggi il prodotto mantiene il suo appeal appetitoso, sia che lo consideriate un perfetto energy-bite – vegan per giunta – o l’accompagnamento ideale a formaggi erborinati e vini passiti a fine pasto.

COME SI PREPARA

I fichi sono fatti essiccare al sole, tagliati a pezzetti e poi amalgamati ad altri ingredienti tipici della tradizione povera contadina: mandorle e noci tostate e tritate, ma anche semi di anice stellato. Si procede aggiungendo al composto un po’ di sapa – cioè mosto di uva sobbollito – oppure di mistrà, un liquore anch’esso appartenente alla tradizione marchigiana, preparato distillando erbe aromatiche come l’anice verde e l’anice badiana. Quindi si dà all’impasto una forma cilindrica: la lunghezza è generalmente compresa fra i 15 e i 20 cm, il diametro è pari a 6-8 cm. Lo si lascia riposare in frigo per qualche ora e poi lo si avvolge in foglie di fico, legandolo con lo spago o un filo di lana. Sembra proprio un lonzino (l’insaccato), e così si spiega anche il nome.

COME SI CONSUMA

Il lonzino ha un colore marrone dorato, è molto compatto e di conseguenza si taglia con facilità a fette. Un tempo era la merenda prediletta dai bambini ed era anche consumato con dessert nelle occasioni speciali, comprese le ricorrenze religiose. Oggi è spesso venduto sottovuoto, per tutelarne ulteriormente il sapore. Mangiato così com’è, da solo, è già una delizia; accompagnandolo con un bicchiere di vino passito, si sale di livello. Chi desidera il massimo, però, deve provarlo con un formaggio non molle e di media stagionatura, per esempio l’Asiago DOP Pressato, il Castelmagno DOP e il formaggio di Fossa.

Vi aspettiamo anche nei gruppi facebook      Abruzzo In… cucina   e  Marche In… cucina   dove troverete tante ricette e potrete scrivere per chiedere informazioni.
Vuoi trovare altre ricette interessanti o con ingredienti specifici? Vai nella rubrica di wwww.wallnews24.it e cerca la voce che ti interessa. Troverai tante ricette: dagli antipasti al dolce, per intolleranti al lattosio e al glutine oltre a tanti utili consigli! Che aspetti? Cerca la tua ricetta. E se provi una ricetta di “Abruzzo In… cucina” e “Marche in…cucina” inviala la metteremo tra le ricette dei fan nella fan page!
Mail : florentinatapuc@yahoo.it. Per qualsiasi chiarimento  tel. 329 139 6437.Le ricette inviate saranno pubblicate due giorni dopo l’arrivo in Redazione. 
Grazie
Florentina Tapuc
Sostieni WALLNEWS24.IT

Sostieni WALLNEWS24.ITSostieni WALLNEWS24.IT Il nostro paese ha bisogno di trasparenza. Con una donazione puoi contribuire a portare a…

CATEGORIE
Condividi