Basket Final Eight: la Liofilchem Roseto batte( 69-65) il Cividale e vince la Coppa Italia

Basket Final Eight: la Liofilchem Roseto batte( 69-65) il Cividale e vince la Coppa Italia

(wn24)-Roseto – Grande impresa della Liofilchem Roseto che al, termine di una partita al cardiopalma al PalaMaggetti, davanti ad un pubblico delle grandi occasioni, si porta a casa la Coppa Italia di serie B battendo la Gesteco Cividale per 69 a 65. E’ stata una partita ben giocata con una rara intensità e agonismo e che , in un certo senso, hanno permesso alle due squadre di legittimare la loro grande stagione fino a qui disputata. Il quintetto di Coach Quaglia ha avuto la partita in mano nel primo tempo, Cividale non ha certo mollato ed è rientrata con merito a colpi della sua difesa. Il risultato è stato un logico finale punto a punto deciso dagli episodi sotto le urla di un palasport rosetano in visibilio.

Gerometta inizia con lo stesso quintetto con cui la Gesteco ha iniziato la semifinale. Rota in cabina di regia, Chiera e Laudoni a completare la batteria degli esterni, Miani e Battistini a fornire subito atletismo sotto canestro. Roseto parte con Di Emidio metronomo, Pastore, Serafini, Amoroso e Nikolic. Una buona selezione di tiro della Liofilchem, confortata da ottime percentuali, consente ai rosetani di partire forte. Amoroso, Di Emidio e Nikolic segnano da tre punti e portano i blu di casa sul 7-16 con conseguente time out della panchina friulana. Il vantaggio rosetano aumenta sul 9-22 con un paio di canestri di Di Carmine che accende il PalaMaggetti. Cividale si affida ai secondi violini ottenendo buone cose da Cassese e da Ohenen che riducono la svantaggio sul 16-23 prima del 19-25 del 10′ arrivato con tre liberi di Eugenio Rota.

Cividale alza i colpi della sua difesa a inizio di secondo quarto. Rita e Chiera colpiscono da oltre l’arco e riducono ulteriormente le distanze fino al -4. 27-31 e po 32-36 dopo la tripla di Battistini. Ma Roseto non si lascia irretire. Parziale di 11-0 con i liberi di Serafini e Amoroso e un paio di conclusioni vincenti di Nikolic che manda in visibilio il pubblico di casa. Cividale si ostina nel tiro da fuori e chiude il primo tempo sotto di 11 punti (32-43) con tanta inerzia nelle mani della Liofilchem.
In avvio di ripresa Roseto tocca il suo massimo vantaggio con la tripla di Di Emidio (32-46). La squadra di Quaglia sembra andare sul velluto ma inizia solo ora a fare i conti con la difesa della Gesteco che opprime l’attacco abruzzese e rosicchia lo svantaggio. Laudoni segna 4 punti di fila frutto del suo talento e atletismo per Cividale che arriva a -2 con i viaggi perfetti in lunetta di Rota. Alle soglie degli ultimi 2′ del terzo quarto l’assist di Rota per Paesano corona la rimonta dei friulani (52-52). La partita aumenta ancora di intensità. I liberi di Miani mettono la Gesteco in vantaggio (54-52) poi arrivano quelli di Di Emidio e Rota per il 56 pari alla fine del terzo periodo.
Adrenalina a fiumi nell’ultimo quarto aperto dalla tripla di Pastore e dal canestro di Serafini che urla sotto la sua curva. Roseto a +5 ma Cividale è sempre viva più che mai. Laudoni sguazza in partite del genere e la sua tripla mette i gialli avanti 62-61. La Liofilchem torna avanti con i liberi di Di Emidio nati dall’antisportivo fischiato proprio a Laudoni (62-63). Cividale di tutta risposta tira fuori una tripla di Chiera in faccia a Pastore. Roseto sembra alle corde dopo la palla persa in attacco di Amoroso raddoppiato a dovere in post basso, ma Cividale non ne approfitta e forza con Battistini. Amoroso riduce a -1 con l’1/2 ai liberi, Rota commette il suo 5°fallo sulla difesa di Zampogna ed è questo l’episodio che assegna la Coppa Italia. Amoroso segna da sotto il sorpasso (65-66) e il PalaMaggetti esplode come ai vecchi tempi. Cividale sbaglia e nella lotta a rimbalzo c’è l’antisportivo di Chiera. I liberi di Amoroso e il 2/2 di Di Emidio mandano i titoli di coda sulla Liofilchem che va in trionfo con 69 a 65.

CATEGORIE
Condividi