Censimento 2020: l’Abruzzo perde 13mila abitanti. Decremento maggiore in Provincia de L’Aquila

Censimento 2020: l’Abruzzo perde 13mila abitanti. Decremento maggiore in Provincia de L’Aquila

(wn24)-Redazione- In Abruzzo, al 31 dicembre 2020, conta 1.281.012, quindi resta sotto 1.3. Non solo. In un anno ben 13 mila persone hanno lasciato la Regione. Tra questi dati negativi , spicano quelli della Provincia de L’Aquila. Nell’ultimo censimento Istat solo 60 comuni non perdono cittadini rispetto al 2019. Tra le città in controtendenza Francavilla al Mare con 568 nuovi residenti. Il decremento legato anche alla pandemia.

 I dati registrano, rispetto all’edizione 2019, un decremento in particolare a L’Aquila  con 290.811 abitanti; -4.027 unità con -1,4%; seguono Chieti (375.215 ; -3.625 unità, -1%), Teramo (301.104; -2.796, -0,9%) e Pescara (313.882; -2.481, -0,8%). Il comune abruzzese più piccolo è Montebello Sul Sangro, con 75 abitanti, mentre Pescara continua a essere il più grande (118.766 abitanti). E’ quanto emerge dal censimento permanente della popolazione in Abruzzo, curato dall’Istat e riferito al 2020.
Il 29,3% della popolazione abruzzese vive nella provincia di Chieti, che ricopre il 24,0% del territorio e dove la densità abitativa è di 144 abitanti per chilometro quadrato, contro i 118 in media nella regione. La provincia di Pescara, con il 24,5% dei residenti ma soltanto l’11,3% di superficie, è invece quella con la densità abitativa più elevata, 255 abitanti per chilometro quadrato. Viceversa, a L’Aquila, dove il 22,7% dei residenti occupa poco meno della metà del territorio regionale, la densità abitativa è di appena 58 abitanti per chilometro quadrato.

CATEGORIE
Condividi