Sciopero dei dipendenti “Eurospin” di Abruzzo e Molise:” La spesa intelligente non vogliamo pagarla noi”

Sciopero dei dipendenti “Eurospin” di Abruzzo e Molise:” La spesa intelligente non vogliamo pagarla noi”

(wn24)-Tortoreto(TE) – Non possono essere “I  dipendenti Eurospin di Abruzzo e Molise a “pagare la spesa intelligente”, che la catena della grande distribuzione usa come slogan pubblicitario.

E’ stata importante l’adesione allo sciopero indetto dalle organizzazioni sindacali, in Abruzzo e in Molise, dei dipendenti del noto marchio della distribuzione. Un epilogo, quello dello sciopero del 13 agosto, nato dopo che le rappresentanze di Fisascat Cisl e Uiltucs hanno tentato, senza successo, di avviare un dialogo con l’azienda. E questa mattina è stato scelto il punto vendita di Tortoreto, sulla Statale 16, per un presidio dei lavoratori in arrivo non soltanto dalle località costiere e dell’entroterra, ma anche dalla provincia di Chieti.

Diverse sono le ragioni alla base dello sciopero, e tutte legate alla necessità di migliorare le condizioni complessive dei lavoratori.
Carichi di lavoro giudicati insostenibili e turni massacranti. L’obbligo per i lavoratori di farsi carico anche delle pulizie dei bagni e dei parcheggi, mancato rispetto delle norme sulla sicurezza sul lavoro e salute dei dipendenti, stress lavoro correlato, utilizzo improprio delle clausole elastiche e flessibili, senza che vengano retribuite, nonché dei permessi retribuiti.

“Irregolarità nei livelli di inquadramento, trasferimenti coatti in sedi lontane senza l’applicazione delle indennità previste dal CCNL di categoria- spiegano i rappresentanti sindacali della Fisascat Cisl Stefano Murazzo e per Uiltucs Abruzzo Bruno Di Federico e Alberto Stampone.

Nella giornata di sciopero c’è chi ha rinunciato anche alle ferie per poter sostenere i colleghi in stato di agitazione. Ma da parte dei lavoratori e delle organizzazioni sindacali c’è la volontà di aprire un dialogo e trovare le soluzioni utili per migliorare le condizioni delle maestranze.

“Alle richieste di confronto presentate per discutere i problemi segnalati dalle strutture sindacali territoriali e nazionali non è stata data risposta”, ripetono i sindacati.
“Tutto questo accade all’interno dei negozi di un gruppo leader di mercato che vanta un eccellente fatturato e redditività, che non solo non ha subito flessioni durante la pandemia ma è addirittura cresciuto.

“Non ci siamo mai sottratti al confronto, anzi lo abbiamo cercato più volte sempre in un’ottica concertativa e di confronto finalizzato sempre alla tutela delle persone che rappresentiamo.
L’auspicio è che l’azienda riveda le proprie posizioni e apra con le organizzazioni sindacali in confronto costruttivo per risolvere le problematiche all’interno dei punti vendita”.

CATEGORIE
Condividi