Nasce un comitato promotore per il gemellaggio tra Chieti e la città tedesca di Saarbrücken

Nasce un comitato promotore per il gemellaggio tra Chieti e la città tedesca di Saarbrücken

(wn24)-Chieti – È nato un comitato promotore per il gemellaggio tra i cittadini, le associazioni, le formazioni sociali, i poteri locali della città di Chieti, ed i medesimi referenti della città tedesca di Saarbrücken. A presiedere il suddetto comitato sono Eugenio Spadano, Presidente del Comitato Italiano Città Unite Giorgio La Pira Abruzzo – Molise e Manlio Madrigale, Presidente del comitato promotore del gemellaggio. Il progetto è nato anche con la collaborazione di “Diritti in Movimento” Chieti, del “Gruppo di sussidiarietà orizzontale Abruzzo,Torino e Bolzano” (art.118 u.c. cost.) e ovviamente del “Comitato Italiano delle Città Unite”, Segretario Generale Gianpaolo Morello.

Gli scopi dell’iniziativa sono la collaborazione e la cooperazione nei settori più disparati, dal campo universitario ( Medicina e Chirurgia, Psicologia e altre specialità), passando per le politiche sociali, fino all’ambito socio – culturale ed economico, in particolare, sui temi socio – sanitari, culturali, religiosi, educativi, economici, commerciali, di relazione e di partecipazione dei cittadini attivi.Inoltre, se il gemellaggio andrà a buon fine, saranno attivate iniziative che promuovono la pace nel mondo e le reti di amicizia con le associazioni presenti nel territorio di Saarbrücken e nell’intera Germania.

“La presenza della Federazione mondiale delle Città Unite, oggi, Comitato Italiano Città Unite, – ha spiegato Manlio Madrigale – è garanzia per l’avvio di un percorso di gemellaggio, per la consolidata esperienza e per la fraternità europeista cui trovano ispirazione le nostre collettività locali”.”L’idea – ha continuato Madrigale – è quella di realizzare un gemellaggio nel ricordo dell’allora Presidente della FMCU Giorgio La Pira, del Delegato Italiano Giulio Dolchi, nonché dell’Avv. Nicola Buracchio (Sindaco di Chieti dal 1960 al 1967), persona lungimirante ed europeista, il quale, tra l’altro, intervenne in un convegno a Bruxelles nel 1962 sul “Ruolo fondamentale dei poteri locali intermedi in una nuova e moderna costruzione Federale d’Europa”. 

CATEGORIE
Condividi