Elezioni Politiche 2022: seggi aperti fino alle ore 23. Si voterà in una sola giornata

Elezioni Politiche 2022: seggi aperti fino alle ore 23. Si voterà in una sola giornata

(wn24)-Redazione – Stamane alle ore 7 i seggi sono stati aperti regolarmente e vi rimarranno fino alle ore 23.Le elezioni riguardano il rinnovo del Senato della Repubblica e della Camera dei Deputati. Si voterà in una sola giornata. 

Subito dopo – al termine delle operazioni di voto e di riscontro dei votanti – avrà inizio lo scrutinio, cominciando dallo spoglio delle schede per l’elezione del Senato e poi quelle della Camera.  Per questo turno elettorale le sezioni sono in totale 61.556. Gli elettori chiamati al voto sono 50.869.304, di cui 4.741.790 all’estero (i plichi sono arrivati ai seggi speciali allestiti in diversi centri). Dei 46.127.514 elettori in Italia, il 51,74% sono donne e il restante 48.26% uomini. Del corpo elettorale fanno parte 2.682.094 maggiorenni che per la prima volta, dopo la recente modifica dell’articolo 58 della Costituzione, potranno votare non solo per la Camera dei Deputati, ma anche per eleggere il Senato della Repubblica. Dei giovani elettori le donne sono 1.302.170 e gli uomini 1.379.924.

Quanto all’Abruzzo: sono 1.214.984 i cittadini abruzzesi, di cui 619.921 donne e 595.063 uomini, che hanno diritto di voto: 381.399 in provincia di Chieti, 288.026 in quella di Pescara, 274.448 (Teramo) e 271.111 (L’Aquila). Sono 6.784 i diciottenni che voteranno per la prima volta: 3.504 femmine e 3.280 maschi.

  • In Abruzzo alle urne per eleggere 13 deputati, 9 alla Camera e 4 al Senato. Dei 9 deputati, 6 saranno eletti con il sistema proporzionale e 3 con quello maggioritario. Per quanto riguarda il maggioritario, dove per vincere basta prendere un solo voto in più, l’Abruzzo è diviso in tre collegi uninominali (Chieti con la sua provincia, Pescara e i comuni della costa Teramana, L’Aquila e i comuni dell’interno teramano).  Dei 4 senatori, 3 verranno eletti con metodo proporzionale e 1 con il maggioritario: in entrambi i casi il collegio è unico e abbraccia tutta la regione.

Alle precedenti elezioni politiche del 18 marzo 2018, in Abruzzo l’affluenza è stata del 75,2%, pari a 786.533 cittadini alle urne, più alta rispetto al resto d’Italia, del 72,9 % alla Camera e del 73,1% al Senato.

  • Come si può evitare che il proprio voto venga annullato? Il segreto è semplice: sulla scheda occorre tracciare una sola croce. Dunque: una X sulla scheda rosa, per la Camera; una su quella gialla, per il Senato. Se si barra il simbolo di un partito, si vota la lista e anche il candidato all’uninominale collegato.
    Se si barra il nome del candidato il voto è esteso anche alla lista.
    Se ci sono più simboli in coalizione viene ripartito tra questi in proporzione ai voti ottenuti. Certo, è possibile barrare sia il simbolo sia il candidato collegato, ma non cambia niente rispetto a barrare solo il logo. Quello che è bene tenere in mente è che non è ammesso il voto disgiunto: cioè non si può scegliere un partito e insieme un candidato all’uninominale non collegato. Il voto sarà annullato.
CATEGORIE
Condividi