Marche. Ad Ascoli movimenti politici in vista del 2024: nasce “Cantiere Riformista”(PD, Art.1,Partito Socialista, liste civiche e M5S)

Marche. Ad Ascoli movimenti politici in vista del 2024: nasce “Cantiere Riformista”(PD, Art.1,Partito Socialista, liste civiche e M5S)

(wn24)-Ascoli Piceno –  Sono solo prove di alleanza nel centrosinistra  tra Pd, Art.1, Partito Socialista, associazioni, liste civiche e varie sigle e M5s. Ad Ascoli Piceno è stato presentato il “Cantiere Riformista”.

“Un percorso all’insegna dell’unità e aperto agli ascolani per disegnare la città del futuro” informa una nota, che “prende vita alcuni mesi fa attorno alla volontà di far dialogare forze politiche plurali, apparentemente distanti ma consapevoli tutte della necessità di avviare un confronto costruttivo che assuma l’unità come valore sostanziale nella convinzione che le diversità possano restituire ad una città a lungo tempo vilipesa quella che reputiamo congiuntamente la cosa più importante: una visione consapevole del proprio futuro”.”Gruppi politici (rappresentati e non in Consiglio comunale), associazioni, comitati e singoli soggetti della società civile – si legge – hanno scelto di mettersi a disposizione dei cittadini per costruire una proposta per la città che le restituisca una nuova visione all’insegna del pluralismo, della partecipazione e dell’apertura all’esterno”.
    Le forze coinvolte “condividono la certezza del declino demografico, socioeconomico, culturale e occupazionale che Ascoli vive da ormai diverso tempo e le gravi responsabilità dell’attuale amministrazione nel mancato accoglimento delle opportunità strategiche per il suo sviluppo e la sua mission”.
   

Il Cantiere Riformista ha “un profilo innovativo”. Intanto le varie sigle puntano il dito sulle Amministrazioni “che continuano a vivere solo di annunci, promesse e troppi obiettivi strategici falliti: pensiamo alla vicenda Unesco, alla Capitale italiana della cultura, alla mancata riqualificazione dell’area ex-Sgl Carbon, al disastro Saba, e alle molte occasioni che si stanno perdendo”. L’obiettivo è “arrivare, entro la primavera del 2023, a redigere un programma comune e a indicare un candidato sindaco per le prossime elezioni comunali del 2024.
    L’unità è un valore aggiunto, per la prima volta dopo anni, le forze riformiste sono insieme e raggiungeranno l’obiettivo di tornare a governare il capoluogo piceno”

CATEGORIE
Condividi