Abruzzo Politica. Trasporti, On. Torto(M5S): “Raddoppio Pescara-Roma, Marsilio e il Governo non ignorino i cittadini”

Abruzzo Politica. Trasporti, On. Torto(M5S): “Raddoppio Pescara-Roma, Marsilio e il Governo non ignorino i cittadini”

(wn24)-Roma –  “Ciò che sta accadendo con il raddoppio della ferrovia Pescara-Roma è preoccupante. Parliamo di un’opera che potrà avere una rilevanza strategica per il territorio ma che, ora come ora, rischia di danneggiare cittadini e comunità locali ed essere percepita come una violenza. Lo stesso Salvini disse che quell’opera così com’ è non si doveva fare, Marsilio in seguito alle proteste dei comitati di sindaci del Comune di San Giovanni Teatino, Chieti e Manoppello che si sono opposti agli espropri conseguenti all’opera, si era detto a fianco dei cittadini. Ora invece, cambio di programma: il Governo e la Regione hanno annunciato di volere procedere nella realizzazione dell’opera, senza tener conto delle esigenze del territorio. Per questo presenterò un’interrogazione parlamentare, per chiedere al ministro delle Infrastrutture qual è lo stato dell’arte dell’opera e se le problematiche sollevate dalle associazioni, dai comitati dei cittadini e dai Comuni sono state in qualche modo risolte e accolte”. Così Daniela Torto, deputata abruzzese e capogruppo M5S in commissione Bilancio alla Camera.
“Il governatore Marsilio e il ministro Salvini dimostrano ancora una volta che l’unico modus operandi del centrodestra e di questo governo è la propaganda. Per mesi hanno fatto annunci e promesse e poi, nel momento in cui bisogna prendere delle decisioni, fanno tutto il contrario di ciò che era stato detto ai cittadini. Hanno preso i voti raccontando falsità e ora stanno mostrando il loro vero volto. Questo è inaccettabile. Cosa vuole fare Marsilio? Sta dalla parte dei cittadini o vuole spingere per la realizzazione dell’opera così com’è? Che idea ha questo governo? Ci sono ancora delle problematiche irrisolte, ci sono famiglie e imprese che rischiano di perdere tutto, ci sono dei potenziali pericoli ancora da superare sulla parte montuosa, dove sono previste delle gallerie vicino a delle falde acquifere. Come si può procedere con tanta leggerezza? Sono dalla parte dei cittadini, delle comunità locali e dei sindaci che vogliono avere risposte ed essere rassicurati. La nostra battaglia non si ferma”, conclude Torto.

CATEGORIE
Condividi