Attacco hacker alla ASL de L’Aquila, rubati 500 gigabyte di documenti riservati: è stato chiesto un riscatto

Attacco hacker alla ASL de L’Aquila, rubati 500 gigabyte di documenti riservati: è stato chiesto un riscatto

(wn24)-L’Aquila – E’ diventato un vero e propio rompicapo, lka vicenda dell’attacco hacker alla Asl de L’Aquila. Per adesso sono certe due aspetti: sono stati rubati dati medici di pazienti con Hiv, pazienti oncologici, pazienti neonati e informazioni sulla mortalità infantile.oltre che dati personali dei dipendenti, informazioni amministrative, 30 documenti su un totale complessivo di oltre 500 gigabyte e che per non essere divulgati il gruppo di hacker chiede un riscatto, per i più , molto sostanzioso.

 I dati sono stati trafugati nella notte del 3 maggio con un attacco con un ransomware virus che blocca e cripta i dati rendendoli inutilizzabili fino al pagamento di un riscatto.

“Se le nostre richieste non saranno accolte – si legge in una schermata in inglese divulgata dal gruppo che fa riferimento alla bacheca ‘Monti’ nel dark web – ci vedremo forzati a pubblicare il resto dei dati medici sul monitoraggio ambulatoriale della pressione arteriosa, nonché i dati medici dei pazienti, tra cui diagnosi e trattamento prescritto, nelle aree di Fisiopatologia e Ostetricia e altri 50 documenti a caso estratti dal server e dal sistema Archiflow”. Anche un acconto del riscatto sarebbe stato richiesto dagli hacker. 

Continua il caos per utenti e pazienti. Non è ancora possibile effettuare la prenotazione di prestazioni a sportelli Cup, call center eservizio online. Tuttavia saranno garantite le prestazioni sanitarie già prenotate. Chi ha una prenotazione può presentarsi allo sportello Cyo per pagamento e registrazione del ticket nel giorno fissato per la prestazione con foglio di prenotazione e impegnativa. Chi deve prenotare una prestazione urgente ovvero laddove sull’impegnativa sia presente la classe di priorità U può recarsi allo sportello Cup di un ospedale che contatterà il reparto interessato ai fini dell’erogazione della prestazione. La Asl ha costituto il gruppo di pronto intervento di sicurezza informatica, una task force di 25 persone. Esponenti del Pd chiedono di “far luce su una situazione che mette a
rischio anche gli stipendi dei dipendenti”, mentre Azione chiede le dimissioni dei vertici aziendali.

CATEGORIE
Condividi