Flash mob in provincia di Pescara in suffragio delle vittime e ribadire “No alla violenza sulle donne”

Flash mob in provincia di Pescara in suffragio delle vittime e ribadire “No alla violenza sulle donne”

(wn24)-Pescara – In occasione della Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne, ieri alle ore 10.00 si è svolto un Flash Mob presso la Sala Figlia di Iorio a Palazzo della Provincia di Pescara promosso dalla Commissione Pari Opportunità con il patrocinio della Provincia di Pescara. Domani, Domenica 26 novembre alle ore 11.00, ci sarà una Messa in suffragio delle donne vittime di femminicidio del territorio presso la Parrocchia di S. Antonio di Padova a Pescara, appuntamento voluto da Pro Vita & Famiglia e Fa.Vi.Va. con il Presidente Carola Profeta che spiega: Anche a Pescara è il momento di porre l’accento in modo più evidente sul tema, motivo per cui il nostro flash mob di domani sarà simbolicamente in ricordo delle donne uccise, così come la Messa sarà un momento di preghiera in ricordo di quante hanno lottato contro la violenza ma non ce l’hanno fatta. Invitiamo alla partecipazione, proprio per dare corpo al contrasto della violenza sulle donne”.

“Si è aperto un dibattito accesissimo dopo il femminicidio di Giulia Cecchettin, si parla di cause e di colpevoli; talvolta si affronta il tema con superficialità, in altri casi invece viene affrontato senza addentrarcisi pienamente – prosegue. – Il tema è molto ampio e chiama più attori in causa: la famiglia ad esempio, dove a mio avviso la mancanza della figura del padre può portare una figlia, lo dicono gli studi sociologici, a non riuscire a riconoscere una relazione non sana o una relazione violenta perché non si sente protetta dalla figura del papà”.

“Così come quei ragazzi che crescono senza un padre sono più inclini alla violenza perché il padre è la figura che con autorità pone regole e limiti, insieme a quei ‘no’ che aiutano a crescere. Un monito va fatto anche alla Magistratura: le norme di contrasto alla violenza di genere ci sono, vanno applicate, in caso contrario è inutile chiamare in causa la politica, lo Stato che fa le leggi, le forze dell’ordine che assicurano i violenti alla giustizia”.

“Ora è il momento di unire le nostre forze e contrastare la violenza”– conclude Profeta.

CATEGORIE
TAGS
Condividi