Abruzzo. Bocciato in commissione regionale l’emendamento sulla Riserva del Borsacchio. Ciancaione:” La battaglia continua”

Abruzzo. Bocciato in commissione regionale l’emendamento sulla Riserva del Borsacchio. Ciancaione:” La battaglia continua”

(wn24)-Roseto – “La maggioranza di centrodestra regionale respinge in V Commissione  l’emendamento presentato dalle   minoranze sul ripristino della Riserva del Borsacchio” a 1.100 ettari”, esordisce la consigliera comunale di Roseto, Rosaria Ciancaione, candidata del M5S per le elezioni regionali del prossimo 10 Marzo.

“Un ulteriore  schiaffo al territorio”, interviene la consigliera regionale Barbara Stella, “alle istituzioni locali e alle associazioni ambientaliste che stanno manifestando con forza il loro dissenso verso una scelta scellerata sia nel merito sia  nel metodo che,  di fatto,  cancella un gioiello del patrimonio naturale dell’Abruzzo. Dopo il vergognoso blitz notturno di fine anno, oggi il centrodestra ha confermato la sua arroganza, votando in maniera contraria all’emendamento firmato da tutte le forze di opposizione che chiedevano di riportare la riserva del Borsacchio ai confini originari, ignorando completamente la voce dei cittadini abruzzesi”.

E’ sconcertante vedere  tanta leggerezza, tanta mancanza di attenzione verso un territorio che negli anni ha saputo tutelare le proprie  bellezze naturali;  ignorare una Riserva   che porterebbe tanta  ricchezza per le attività agricole  e per quelle legate allo sviluppo di un turismo all’impronta della protezione  della biodiversità,  di un museo a cielo aperto,   che parla di bellezza della natura  e del paesaggio,  che fa della Fonte dell’Accolle,  evocata da Giovanni Damiani nel consiglio straordinario del 12 gennaio scorso,  un piccolo gioiello tra i gioielli.

Oltretutto, il cdx regionale vuole buttare alle ortiche  250 mila euro finanziati per la  redazione del PAN, proprio ora che  la stessa Regione aveva  terminato di esaminare le osservazioni  con un Piano di Assetto Naturalistico da approvare dopo un primo passaggio in consiglio Comunale.

“Che dire, sembra pura  miopia, ora non resta che continuare a lavorare  politicamente e la  maggioranza di cdx regionale,   nel rispetto delle leggi dello Stato,  non può continuare ad ignorare la volontà chiara di un territorio espressa dal proprio consiglio comunale.  Il Governo è stato già chiamato a rispondere sulla Legge Regionale di riperimetrazione con l’interrogazione n. 4-02146 del  12 gennaio 2024, prima firmataria On.le Daniela Torto.  La Riserva la rivogliamo  com’era prima della notte  del 28 dicembre scorso”, conclude Ciancaione, “e  per questo  continueremo la nostra battaglia insieme ad associazioni ambientaliste, a cittadini e  forze politiche. Riavremo  ciò che è nostro”

CATEGORIE
TAGS
Condividi