Salute e misteri. Si risveglia dopo un ictus, ma parla slavo. Si studia un italiano a Padova

Salute e misteri. Si risveglia dopo un ictus, ma parla slavo. Si studia un italiano a Padova

(wn24)-Redazione – I misteri che aleggiano intorno ad un caso di salute precaria. Un uomo  si sveglia dal coma dopo una lesione cerebrale, ma   parla con forte accento slavo. I medici la chiamano “Sindrome da accento straniero” ed è il primo caso nel nostro Paese. Il paziente di 50 anni era stato colpito da un ictus tre anni fa e il suo caso è stato studiato dal team guidato da Konstantinos Priftis del Dipartimento di Psicologia Generale dell’Università di Padova.

In tutta la letteratura medica sull’argomento, dal 1800 a oggi, su 115 casi si contano 112 pazienti con lesione all’emisfero cerebrale sinistro con insorgenza di sindrome da accento straniero al risveglio, solo 3 persone colpite da ictus all’emisfero cerebrale destro sempre con sindrome da accento straniero al risveglio.

Quello recentemente pubblicato dal team di ricerca padovano-bergamasco è uno dei rarissimi tre e il primo in Italia. “A differenza di tutta la casistica riportata in letteratura negli ultimi 220 anni il paziente italiano con lesione emisferica destra e sindrome da accento straniero al risveglio è stato approfonditamente studiato per tre anni attraverso un’analisi longitudinale complessa, dicono Konstantinos Priftis e Lorella Algeri.

Il paziente, assolutamente guarito da un punto di vista clinico, ha acquisito al risveglio un accento e cadenza di origine slava sebbene non abbia mai soggiornato in Paesi con caratteristiche fonetiche di tale area geografica e non abbia avuto contatti duraturi con persone di quelle regioni. La particolarità del caso è dovuta al fatto che l’area corticale posta nel lobo frontale sinistro sia quella cruciale per la produzione del linguaggio, mentre il paziente è stato colpito da ictus nella parte destra”.

CATEGORIE
TAGS
Condividi